Who’s Next

Who, 1971

Quinto album che insieme al precedente Tommy (1969) ed il successivo Quadrophenia (1973) rappresenta il miglior momento della band inglese.
Tutti pezzi scritti da Townshend, tranne My Wife di Entwistle,  che li riprende da una sua idea di realizzare un’opera rock, e infatti si avverte una teatralità trionfale unita al solito rock degli Who.
Baba O’Riley è la prima traccia, introduzione con il sintetizzatore, poi la tastiera, dopo arriva la batteria di Keith Moon, in un minuto sei già convinto della grandezza del disco.
Bargain e The Song Is Over sono costruite molto bene, partendo piano quasi acustiche ed esplodendo con tanta tanta energia.
Ma sono le ultime due tracce ad essere secondo me le vere perle di questo album. Behind Blue Eyes è meravigliosa nel testo e nella chitarra di Townshend, così dolce e malinconica inizialmente come la voce di Daltrey e poi capace di cambiare completamente il ritmo.
In Won’t Get Fooled Again i quattro si scatenano, si rivede la voglia di rivalsa nei confronti di una società incapace di cambiare (“meet the new boss, same as the old boss”); tanta musica suonata bene da cui emerge lo straripante talento di Entwistle, forse il miglior bassista rock di sempre, e di Keith Moon. Non mi avventuro ancora nel dibattito su chi sia il miglior batterista tra lui, Neil Peart, e John Bonham, ma Moon resta un personaggio incredibile, carismatico, raffigurazione perfetta di genio e sregolatezza.
Copertina modernissima: loro quattro in mezzo al deserto che si riabbottonano dopo una pisciata su un pilastro di cemento (un po’ monolite di Kubrick). Li voglio ricordare così, invece che con la distruzione degli strumenti sul palco che sì li ha resi famosi, ma che ormai è stata abusata e copiata perdendo di significato.

Capitano Quint

  1. Baba O’Riley – 4:59
  2. Bargain – 5:34
  3. Love Ain’t For Keeping – 2:11
  4. My Wife – 3:41
  5. The Song Is Over – 6:16
  6. Getting In Tune – 3:54
  7. Going Mobile – 3:43
  8. Behind Blue Eyes – 3:39
  9. Won’t Get Fooled Again – 8:38
Annunci

1 Commento

Archiviato in 70's, Musica

Una risposta a “Who’s Next

  1. Who’s next è semplicemente il meglio degli Who 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...