Amici di Letto

Will Gluck, Usa, 2011, 109 min.

Trama: Una storia solo di sesso tra Mila Kunis e Justin Timberlake che si trasforma col tempo in una storia d’amore, il tutto all’ombra di New York. Solita commedia romantica demmerda.

Il Film: Considerazione generale che vale un po’ per tutti i film di questo tipo: secondo me sono proprio sbagliati alle fondamenta. Sono troppe le cose assolutamente poco credibili e direi anche irritanti che mi tocca vedere nelle commedie. Mentre su altri generi di solito non batto ciglio se vedo situazioni alle volte surreali, proprio perché nei film mi aspetto di vedere qualcosa che nella vita reale non succede, questa considerazione non vale per la commedia. Queste traggono spunto da situazioni che potenzialmente possono riguardare tutti, sketch più o meno divertenti, parenti strambi, situazioni paradossali, e la storia d’amore. Ultimamente invece, le commedie da blockbuster fanno di tutto per essere incredibili nella maniera più patetica. Per prima cosa gli attori scelti non vanno bene, e questo film ne è l’esempio. Ecco, due attori così rendono tutto assurdo, il fatto che Justin Timberlake e Mila Kunis non riescano a trovare la persona ideale è roba da fantascienza, non esiste sulla terra, troppo belli tutti e due per non avere la fila davanti alla porta di casa. Dovrebbero metterci due attori “normali”, non due da copertina, giovani, in carriera, indipendenti e spigliati. Oh ragazzi, ma uno dei re delle commedie negli anni ’80 era Billy Crystal, che poteva essere tutto tranne che bello, o anche da parte femminile una Meg Ryan anni ‘90, che è comunque una bella donna ma non al livello della Kunis. Ti davano cioè l’idea che potessero essere persone comunque raggiungibili, che anche a te povero stronzo  poteva capitare nella vita una cosa del genere. Oggi no. Oggi funziona che il protagonista deve per forza fare un lavoro alternativo artistico sennò non va bene, l’operaio  o l’impiegato gli fa schifo agli sceneggiatori. Oggi funziona che i genitori devono essere più bambini dei propri figli (tipo la mamma di Jamie, che fa tutta l’amicona “e sbatti qui e scopa là”, ma che cazzo è). Ma soprattutto, non esiste nell’universo e non esisterà mai nemmeno se lo vedo che una come Mila Kunis voglia avere un tromba-amico, e ne senta addirittura il bisogno (e Justin si sacrifica piccino della serie se proprio mi tocca lo fo). Passi la casa d’infanzia di lui, sul mare di Los Angeles (fanno colazione direttamente sulla sabbia,la classica abitazione dell’americano medio), passi la mamma sopracitata che ricopre il ruolo che odio di più per un genitore, e cioè quello easy e da eterno bambino. Passi addirittura il dramma di Dylan con il padre malato di Alzheimer; mi vogliono convincere che anche se sei Justin Timberlake le cose vanno comunque male, infilandoci dentro il lato triste della vita, poveri illusi non ci crederò mai, stronzate, Justin se la spassa e anche alla grande. Ma che questi due c’hanno problemi a trovare uno/una che non siano degli idioti totali proprio non passa. L’unica cosa bella del film son le inquadrature dei pezzi di carne di Mila, che abbondano, forse per sopperire ai dialoghi imbarazzanti, non tanto sotto l’aspetto recitativo (su quello non ci sono dubbi), ma proprio a livello di contenuti, non sanno d’un cazzo.

Voto: 4,5. La scena in cui fanno all’ammore nella casa al mare, dopo mesi che c’hanno dato dentro come animali, l’ho trovata penosa, non è sesso è amore, ma vaaccagheerr.

E’ un film distruttivo e basta. Se lo vedi da solo ti piglia male perché Mila Kunis è a un continente di distanza. Se lo vedi con gli amici non ce la fai perché sei sommerso da commenti del tipo lei la spaccherei tutta ecc…Se lo vedi con la tua ragazza è anche peggio perché quando finisce il film e ti giri vedi che non è Mila Kunis, la lacrima di sconforto è d’obbligo (il trauma inverso penso sia meno devastante, come Justin se ne trovano un po’ di più).

Vitellozzo. 

 

Annunci

11 commenti

Archiviato in commedia, Film

11 risposte a “Amici di Letto

  1. Detesto a priori le commedie, di qualsiasi genere siano (o almeno, detesto le commedie del 21° secolo, di qualunque genere siano). Detto ciò, il film non mi è dispiaciuto granché: ho ignorato il fatto che tutto ciò che accade nel film sia completamente assurdo ed improbabile e l’ho guardato nella sua assurdità. Finché non è spuntata la scena finale, e ho capito che posso sopportare tutto, ma non la tipica conclusione da storia d’amore da quattro soldi con tanto di melensa dichiarazione. Poi Mila Kunis è, appunto, troppo figa, tanto che probabilmente gliela darei io che sono etero. Perciò era meglio una Gwyneth Paltrow qualsiasi piuttosto.
    (la madre new age è un cliché che appare praticamente in qualsiasi commedia ormai. Direi che anche basta)

  2. Scribacchina

    Commento preciso e puntuale 😀

    • troppo buona, dici che se scriviamo anche noi heineken jammin’ festival a cazzo su una pagina becchiamo qualche visita in più?…oppure è sempre meglio restare fedeli al trittico “sesso porno figa” che sul motore di ricerca regna sempre?

  3. Si puà definire, quindi, “un film demmerda”…

  4. vdm

    Posso commentare anche se non ho visto il film?
    ——–
    mmmm, lo prendo per un sì.
    Dunque.
    Mila? Kunis? Mila Kunis? MILA KUNIS?!?
    L’argomento chiave era questo no? 😛
    Ok, levo le bave dalla tastiera e articolo qualcosa di serio (per la cronaca, invece J Timberlake, non mi dice proprio un bel niente, troppo bellimbusto che deve piacere a tutti i costi).
    Non sopporto le commedie sentimentali. Tendenzialmente neanche quelle fatte bene perché vengo colta da ictus in presenza di qualsivoglia mielosità ammantata di leggera ironia. Non penso di averne più trovata una che mi sia piaciuta dopo Harry ti presento Sally – e comunque all’epoca ero meno rompicoglioni nel giudicare i film.
    Bon, mi tolgo dai piedi…non credo che vedrò questo film ma la recensione mi è garbata parecchio 😀

    • Vedo che hai colto alla perfezione l’argomento chiave della recensione. Mila Kunis. A nessuno interessa del film: io l’ho visto solo nella speranza di vedere le “mele” della Mila, come penso quasi tutti quelli che sono andati ai’cinematografo. Speravo anche che justin tirasse fuori dal cilindro Bye Bye Bye degli NSYNC, però oh, non si può sempre avere tutto..

  5. Non ho ancora visto il film (e non ne sentivo una forte necessità) ma… ancora la madre new-age? No, porca vacca, no!

  6. Sono proprio d’accordo con quanto hai scritto! Soprattuto sui dialoghi che secondo me erano anche troppo volgari per essere una commedia, niente a che vedere con Harry ti presento Sally.. Fa il paio con un altro film del genere con Natalie Portman e Ashton kutcher”amici, amanti e…” …

    • è vero, troppo volgare, tutto per coprire dialoghi indegni. Dato che siamo masochisti e non ci facciamo mancare nulla, abbiano recensito anche quello. Ti evito lo spoiler perchè cambia il titolo ma l’opinione è la stessa, la trovi a giro nel blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...